Il Rilancio dei Mercati: spazio pubblico, servizi comunitari ed economia circolare

0.00

I mercati rionali sono spazi pubblici per eccellenza: luoghi di incontro, punti di scambio ma anche centri di aggregazione. Oggi sono però spazi in grande sofferenza, con pochi operatori attivi, forte competizione da parte della grande distribuzione e sempre meno abitanti che entrano per socializzare e comprare i beni di prima necessità. Che forma possa prendere il futuro dei mercati non è però una cosa semplice da immaginare e il tema è infatti stato oggetto di vari incontri nel corso degli ultimi anni con un numero crescente di persone. Alcune delle domande emerse vertono sulla possibilità del mercato di riprendere un ruolo centrale all’interno di una politica pubblica alimentare. Possono i mercati diventare degli snodi all’interno di una filiera corta del cibo? Possono i prodotti delle terre pubbliche gestite da cooperative di giovani agricoltori trovare un canale di vendita preferenziale nei mercati rionali? Possono i Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) avere uno spazio di smistamento negli stalli mercatali? Può il mercato integrare servizi di consegna a domicilio o di acquisto online? Possono i rifiuti organici essere raccolti nei mercati e portati nelle aziende agricole per diventare compost?

 

Category: Tags: , , ,

Description

Questo libro è il risultato di una serie di incontri e laboratori tenuti tra il 2015 e 2016 in vari mercati di Roma, dove hanno partecipato tante delle realtà che da anni si impegnano sul rilancio dei mercati, sulle filiere alimentari sostenibili, sull’inclusione sociale e sul riuso delle proprietà pubbliche. Sulla base delle istanze emerse durante i laboratori, Eutropian ha raccolto una serie di casi studio in Italia ed Europa al fine di poter offrire spunti di riflessione per il futuro dei mercati di Roma, e non solo, cercando di immaginare per i mercati rionali un futuro come luoghi di innovazione, in cui il patrimonio cognitivo, umano e sociale presente in un territorio venga messo a sistema per sperimentare modelli di impresa e di servizio in un quadro collaborativo, a cui prendono parte i diversi attori locali per dare risposta alle necessità della comunità.